Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

MODALITA' DI RIENTRO IN ITALIA E DISPOSIZIONI SANITARIE PORTOGHESI

Data:

03/06/2020


MODALITA' DI RIENTRO IN ITALIA E DISPOSIZIONI SANITARIE PORTOGHESI

MODALITA' DI RIENTRO IN ITALIA

 

Il 16.05.2020 è stato pubblicato il decreto legge per la "riapertura", disponibile al seguente link:
https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2020-05-16&atto.codiceRedazionale=20G00051&elenco30giorni=false

 

  • TRIANGOLAZIONI SU AEROPORTI EUROPEI

Stante il blocco dei voli da e verso l’Italia decretato fino al 15 giugno (link al provvedimento), ad oggi è possibile raggiungere via aerea l’Italia dal Portogallo solo facendo ricorso a triangolazioni di voli. Sebbene la situazione possa cambiare nel giro di ore, risultano ancora attivi in Europa i seguenti scali: Londra, Parigi, Francoforte, Ginevra e Zurigo.
Suggeriamo di consultare la seguente pagina dove si possono trovare tutte le partenze in tempo reale dall’aeroporto di Lisbona:
https://www.ana.pt/pt/lis/voos-e-destinos/encontrar-voos/partidas-em-tempo-real

Per le triangolazioni aeree volte a raggiungere l’Italia, oltre quindi al necessario contatto con le compagnie aeree, è fondamentale consultare sempre i siti della Ambasciate dei Paesi interessati dal transito, in modo da essere sempre informati su eventuali, repentini cambiamenti che in questa situazione sono sempre probabili. Si riportano di seguito i link alle nostre rappresentanze diplomatiche:

MADRID - BARCELLONA - PARIGI - Rete consolare in Francia - BERLINO - Rete consolare in Germania - BERNA - Rete consolare in Svizzera - LONDRA


Su questa pagina si possono avere tutte le informazioni fornite dagli aeroporti portoghesi in relazione al COVID-19:
https://www.ana.pt/en/lis/passenger-guide/what-you-need-to-know/covid-19
 

Si informa che negli aeroporti è autorizzato il transito unicamente ai passeggeri muniti di biglietto.

Per chiunque intenda procedere con il rimpatrio, oltre a raccomandare il rispetto rigoroso di tutte le prescrizioni di carattere sanitario emanate dalle Autorità portoghesi, si attira l'attenzione sulle recenti normative italiane di cui si chiede di prendere attenta visione.

  • RIENTRI VIA TERRA E VIA MARE

Tra Spagna e Portogallo non sono fruibili i collegamenti ferroviari, terrestri e fluviali (tranne che per le eccezioni più sotto). La misura sarà in vigore fino al 15 giugno. Per via terrestre sarà proibito il transito turistico tra i due Paesi, lasciando aperti alcuni valichi di frontiera che serviranno a garantire il trasporto merci, il passaggio dei lavoratori transfrontalieri e dei cittadini che dimostrino situazioni di urgenza debitamente documentate.
Si ricorda che dalle ore 00 del 15 maggio 2020 chiunque faccia ingresso in territorio spagnolo da un Paese estero sarà sottoposto all'obbligo di quarantena per 15 giorni.

Le autorità portoghesi consentono tuttavia il transito in uscita ai cittadini stranieri che intendano far ritorno al proprio Paese di residenza avvalendosi di mezzi propri (autovetture di proprietà o noleggiate).
Risultano transitabili per gli usi consentiti i seguenti varchi:

  1. Valença - Viana do Castelo, uscita del Ponte Tuy-Valença-collegamento IP1-A3, a Valença.

  2. Vila Verde da Raia – Chaves, uscita della A 52, collegamento con la A 24, Km 0, presso la rotonda.

  3. Quintanilha – Bragança, uscita del Ponte Internazionale IP 4/E 82, nodo di uscita per Quintanilha o presso la sede del CCPA(Centro Cooperazione di Polizia e Dogana) sulla N218-1 Quintanilha

  4. Vilar Formoso - Guarda, presso la linea di frontiera, Largo da Fronteira, accanto al CCPA, N 16/ E 80, collegamento 620 Fuentes de Oñoro, Spagna, compreso l’accesso dal Parco TIR, via camion, N 16, Vilar Formoso

  5. Termas de Monfortinho - Castelo Branco, biforcazione della N239 con la N240 a Termas de Monfortinho

  6. Marvão – Portalegre, linea di frontiera, Marvão, N 521 collegamento da Valência de Alcântara alla IC 13 Marvão

  7. Caia-Elvas, uscita della A6, Km 158, collegamento Caia-Elvas, accanto all’Ufficio Turistico (Posto de Turismo), Elvas

  8. Vila Verde de Ficalho – Beja, presso la linea di frontiera, collegamento A 495 Rosal de la Frontera all’IP 8, Serpa
9
  9. Castro Marim-Praça da Fronteira, km 131 della A 22, Ponte Internazionale del Guadiana-Castro Marim

A tutti coloro che si trovino temporaneamente in Portogallo e intendano rientrare in Italia, si raccomanda di visitare il sito del MAECI alla sezione Viaggiare Sicuri, nonché di registrarsi sulla pagina Dove Siamo nel Mondo.

 

DISPOSIZIONI SANITARIE DELLE AUTORITA' PORTOGHESI

 
In sostituzione dello stato di emergenza, dalla mezzanotte del 3 maggio è in vigore in tutto il Portogallo lo stato di calamità.

È ora in vigore il Decreto-Legge N. 20/2020, dell’ 1 maggio 2020. LINK: https://dre.pt/web/guest/pesquisa/-/search/132883356/details/maximized
Una raccolta delle misure adottate e delle domande frequenti è disponibile sul sito del governo: https://covid19estamoson.gov.pt/

Si consiglia la consultazione della pagina della Direzione Generale di Salute portoghese dedicato al COVID-19 per aggiornamenti sulla situazione in Portogallo.

Dal 4 maggio sono aperti gli uffici pubblici (con prenotazione obbligatoria dei servizi), librerie e biblioteche, concessionari auto, parrucchieri ed estetisti. È concessa la pratica di sport individuali all’aperto e di pesca ludica. Dal 18 maggio sono aperti i negozi con un’area fino a 400 mq (al di fuori dei centri commerciali), i ristoranti, caffè e pasticcerie, i locali all’aperto e gli spazi culturali (musei, monumenti e gallerie d’arte), con capacità limitata e obbligo di distanza tra i clienti. Restano chiusi discoteche e bar, terme, piscine e palestre e sono ancora proibite le riunioni con più di 10 persone. Resta in vigore l’obbligo di confinamento per contagiati o persone sotto sorveglianza medica nonché la necessità di rimanere in casa e limitare al minimo gli spostamenti.

Si ricorda ai cittadini italiani che si trovino in Portogallo di attenersi alle disposizioni sanitarie delle Autorità portoghesi, disponibili sullo specifico mini-sito https://covid19.min-saude.pt/.

Il Governo portoghese ha attivato il sito (https://covid19estamoson.gov.pt/) che raccoglie tutte le informazioni relative all'emergenza COVID-19. Nella sezione dedicata ai Cittadini stranieri in Portogallo, potete trovare consigli e indicazioni in lingua italiana.

Si raccomanda infine di consultare le misure di prevenzione contro il contagio da Coronavirus raccomandate dal Ministero della Salute e di attenersi a tali raccomandazioni, in aggiunta a quanto già indicato dalle Autorità di accreditamento.

In presenza di sintomi influenzali (tosse, febbre e difficoltà respiratorie) rimanere in casa e chiamare la linea telefonica SNS24 808 24 24 24 (attiva dal Portogallo).

Le Autorità portoghesi indicano che i viaggiatori che rientrano dalle aree interessate dalla diffusione del COVID-19, che presentino sintomi indicativi di malattie respiratorie, durante o dopo il viaggio, prima di recarsi presso un centro di salute, debbano chiamare il numero 808 24 24 24 (SNS24), dando informazioni sulle proprie condizioni di salute e sui viaggi effettuati, seguendo le indicazioni che potranno essere fornite.

 

ASSISTENZA AI CONNAZIONALI
I connazionali che abbiano bisogno di assistenza potranno contattare telefonicamente gli Uffici Consolari al numero +351 21 3515320 (dalle ore 9 alle ore 16), e al numero di emergenza +351 91 9523500 (attivo dalle 16.00 alle 22.00 e dalle 22.00 alle 9.00 soltanto per reali emergenze consolari) e scrivere alla casella di posta elettronica lisbona.assistenza@esteri.it.
Per comprovate urgenze collegate alla sintomatologia da Coronavirus e la prescrizione di farmaci salvavita, l’Ambasciata di Lisbona potrà fornire ai connazionali i recapiti di alcuni medici italiani operanti in Portogallo con cui si è in contatto. Per tutte le altre visite mediche di altra natura, invece, si potrà continuare a ricorrere al sistema sanitario portoghese secondo le modalità suggerite nel mini-sito portoghese sopra indicato.

TEMPORANEE MODIFICHE ALL'EROGAZIONE DEI SERVIZI CONSOLARI
ATTENZIONE
: a partire dal 13 marzo 2020 e fino a nuove disposizioni, la ricezione del pubblico presso gli Uffici della Cancelleria Consolare avverrà solo e limitatamente ai casi di necessità ed urgenza e previo appuntamento telefonico. Per maggiori informazioni si rinvia alla sezione ''Nuove modalità di accesso ai servizi consolari''.

 


567