Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Carte d’identità elettroniche

LA NUOVA CARTA D’IDENTITA’ ELETTRONICA (CIE)

 

La carta d’identità è un documento personale di riconoscimento valido per identificarsi e circolare nell’Unione Europea, in alcuni Stati aderenti all’accordo di Schengen (ad es. Islanda, Norvegia e Svizzera) e in altri Stati con cui sono stati raggiunti accordi bilaterali (vedasi le singole “schede Paese” sul sito www.viaggiaresicuri.it).

La carta d’identità elettronica (CIE) è la nuova carta d’identità in formato tessera; oltre a svolgere le stesse funzioni di quella cartacea, consente di accedere ai servizi online delle Pubbliche Amministrazioni italiane.

1) A chi può essere rilasciata la Carta d’identità elettronica

La Cancelleria Consolare dell’Ambasciata d’Italia a Lisbona può rilasciare la carta d’identità esclusivamente ai cittadini italiani regolarmente residenti in questa circoscrizione consolare, registrati nello schedario consolare e i cui dati anagrafici siano già presenti nel registro A.I.R.E. (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) del Ministero dell’Interno..

L’utente può richiedere il rilascio della CIE a partire dal 180° giorno che precede la scadenza, ovvero sei mesi prima.
Chi non è registrato all’A.I.R.E., presupposto indispensabile per poter presentare domanda di emissione della CIE, dovrà prima regolarizzare la propria iscrizione anagrafica tramite il portale FAST IT e attendere, prima di poter far domanda, di essere inserito in tale registro da parte del Comune italiano competente (per i cittadini non iscritti all’A.I.R.E., la competenza al rilascio della carta d’identità rimane in capo al Comune di residenza).
Ai fini della registrazione nella banca dati A.I.R.E. è indispensabile, per i cittadini italiani nati all’estero, che l’atto di nascita risulti già trascritto nei registri di Stato Civile del Comune di riferimento.
Nel caso si sia cambiato indirizzo di residenza (rispetto a quello comunicato all’Ufficio consolare), è necessario chiedere la variazione di indirizzo tramite il portale FAST IT .

2) Come si richiede la carta d’identità elettronica

L’Ambasciata d’Italia a Lisbona ricorda che non è possibile presentare domanda di rilascio della carta d’identità per posta, ma è necessario prenotare l’appuntamento “on-line” utilizzando esclusivamente la piattaforma Prenot@mi.·> cliccare qui per prenotare l’appuntamento

3) Come si prende un appuntamento sulla piattaforma Prenot@mi

Se si è utenti già registrati sulla piattaforma “Prenot@mi” si dovrà cliccare sulla casella “login utente già registrato” ed immettere le proprie credenziali:
– User name: il proprio indirizzo email
– Password: quella indicata all’atto della registrazione
Si accederà così alla pagina dei servizi attivati, dove poi si dovrà selezionare il servizio “Carta di Identità – domanda carta identità elettronica” e compilare la pagina con i dati della persona che deve ottenere la carta (il cosiddetto “richiedente”: essenziale indicare il nome, cognome, data e luogo di nascita).
Si accederà così al calendario degli appuntamenti e si potrà selezionare una data disponibile.

I nuovi utenti dovranno prima procedere alla registrazione sul portale, cliccando su “Registrazione nuovo utente”. Una volta completata la registrazione, si dovrà rientrare sul sistema di prenotazione e, inserendo le credenziali, si potrà accedere alla pagina dei servizi offerti e procedere come sopra indicato.
Prima della data dell’appuntamento l’Ufficio consolare provvederà a verificare che il richiedente sia effettivamente iscritto all’A.I.R.E., ad effettuare il controllo dei dati anagrafici e dell’eventuale sussistenza di cause ostative al rilascio del documento.

>> ATTENZIONE: Nel caso in cui, a seguito delle verifiche, emergessero elementi che impedissero (temporaneamente o meno) il rilascio della CIE, il connazionale riceverà una mail dalla Sede consolare per la cancellazione dell’appuntamento.

4) Come chiedere l’appuntamento per un’altra persona

È possibile chiedere l’appuntamento per un’altra persona. Tuttavia, al fine di consentire le necessarie verifiche, è necessario che al momento della richiesta dell’appuntamento siano inseriti nelle note i dati della persona che deve ottenere la CIE (richiedente). Se si presenterà allo sportello una persona i cui dati non erano stati inseriti nel sistema al momento della prenotazione dell’appuntamento, non sarà infatti possibile procedere con la richiesta di CIE.
Nel caso di figli minori il genitore può, dal proprio account, presentare domanda di appuntamento per il figlio. In tal caso nella propria scheda da compilare per l’appuntamento dovrà indicare nelle note che l’appuntamento è per il figli inserendo i dati del bambino.

5) Documentazione necessaria da portare con sé al momento dell’appuntamento per richiedere la Carta d’identità elettronica

  • Modulo di richiesta di rilascio/duplicato CIE, interamente compilato e firmato;
  • 1 fototessera a colori – sfondo bianco – standard ICAO 9303/iso 19794-5 – 45mm x 35mm;
  • documento di riconoscimento: carta d’identità precedente, oppure se non la si possiede, passaporto. Se non si possiede alcun documento di riconoscimento presentare un documento con fotografia (es. patente; documento d’identità straniero; permesso di soggiorno portoghese); se si richiede la CIE per un minorenne, è necessario che anche il genitore che lo accompagna presenti un documento di riconoscimento.
  • atto di assenso dell’altro genitore nel caso in cui il richiedente abbia figli minori di 18 anni (a prescindere dello stato civile del richiedente: celibe/nubile, coniugato, separato o divorziato) – modulo;
  • atto di assenso di entrambi i genitori nel caso in cui il richiedente sia un minore di 18 anni – modulo. Se l’altro genitore non è cittadino dell’Unione Europea, la sua firma sull’atto di assenso va autenticata presso la Cancelleria consolare al momento dell’appuntamento. Al fine di verificare la correttezza dell’atto di assenso presentato, è necessario che il minore sia già iscritto all’anagrafe o che venga presentato l’originale del certificato di nascita da cui si evincano maternità e paternità del minore.
  • nel caso in cui il richiedente non sia più in possesso del precedente documento in seguito a furto o smarrimento, è necessario presentare al momento la denuncia effettuata presso le autorità di polizia portoghesi.
  • ricevuta del versamento tramite bonifico bancario per il pagamento della CIE.

6) Procedura per il rilascio della Carta d’identità elettronica per i minori

Ai sensi della normativa vigente i minori devono essere muniti di documento d’identità individuale.

Per i minori di 14 anni l’uso della carta d’identità elettronica valida per l’espatrio come documento di viaggio è subordinato alla condizione che viaggino in compagnia di uno dei genitori. Se viaggiano con terzi è necessario munirsi di apposita Dichiarazione di accompagnamento, rilasciata dai genitori alla persona, ente o compagnia aerea a cui viene affidato il minore.

Si ricorda che la domanda di Carta d’identità elettronica per i minorenni nati in Portogallo, può essere presentata solo dopo aver consegnato alla Cancelleria Consolare l’atto di nascita per la sua trascrizione in Italia, a seguito della quale il Comune italiano provvederà alla registrazione nell’AIRE ed all’attribuzione del Codice Fiscale.

  1. Se il minore ha compiuto 12 anni deve presentarsi personalmente insieme ad almeno uno dei genitori presso la Cancelleria Consolare di Lisbona (Calçada Conde de Pombeiro 24, 1150-100), previo appuntamento a suo nome, tramite la piattaforma Prenot@mi, per la rilevazione delle impronte digitali e la firma.
  2. Se il minore non ha compiuto 12 anni dovrà presentarsi insieme ad almeno uno dei genitori presso la Cancelleria Consolare di Lisbona (Calçada Conde de Pombeiro 24, 1150-100), previo appuntamento a suo nome, tramite la piattaforma Prenot@mi.

In alternativa alla presenza del minore presso la Cancelleria Consolare il genitore può recarsi insieme al minore presso l’Ufficio della Rete Onoraria competente per località di residenza, in quanto non è necessario acquisire i dati biometrici (impronte) per i minori di anni 12.

7) Documentazione necessaria da portare con sé al momento dell’appuntamento per richiedere la Carta d’identità elettronica per minori

La domanda di Carta d’identità elettronica deve essere corredata dalla seguente documentazione:

  1. modulo di richiesta, interamente compilato in ogni sua parte e firmato da entrambi i genitori. Nel caso in cui uno dei due genitori sia impossibilitato a presentarsi per firmare il modulo di richiesta, il genitore richiedente può allegare l’Atto di assenso, firmato in originale dall’altro genitore a cui sarà allegata la fotocopia di un documento di identità valido del genitore assente che ne contenga la firma. Se uno dei genitori è cittadino extra-UE la firma deve essere autenticata.
  2. n. 1 fotografia a colori, tipo “immagine frontale”, sfondo bianco, sguardo di fronte, occhi aperti, viso centrato (non sono ammesse ombre né occhiali a lenti scure, oppure altri oggetti estranei nella foto) standard ICAO 9303/ISO 19794-5, 40mm x 35mm;
  3. pagamento della tariffa consolare. Si ricorda che le tariffe consolari sono soggette a possibili variazioni;
  4. copia di un documento d’identità del minore (anche documento straniero; atto di nascita italiano o del paese di origine, anche in copia).

Si ribadisce che la presenza del minore è sempre necessaria, anche per i minori di anni 12, qualora la domanda venga presentata presso questa Ambasciata o tramite il Consolato Onorario competente per il luogo di residenza.

8) Costo della CIE

Il costo della tariffa consolare è:

– 21,95 euro complessivi, in caso di primo rilascio o rinnovo;
– 27,11 euro complessivi, in caso di duplicato per furto/smarrimento o deterioramento.

  • Per RILASCIO si intende la prima emissione della CIE
  • Per RINNOVO si intende il rilascio di una nuova CIE in sostituzione della precedente scaduta (carta elettronica o cartacea)
  • Per DUPLICATO si intende il rilascio di una nuova CIE in sostituzione della precedente carta elettronica nei casi in cui venga smarrita, rubata, deteriorata
  • In caso di mancato recapito della CIE è previsto il rilascio gratuito.

9) Operazioni che saranno effettuate il giorno dell’appuntamento

Il giorno dell’appuntamento, l’operatore consolare acquisisce la documentazione indicata al punto precedente, effettua il riconoscimento e la verifica della foto ed acquisisce le impronte digitali e la firma (salvo per i minori di anni 12).
Anche i minori di età inferiore ai 12 anni devono essere presenti, perché è necessaria la loro identificazione da parte del funzionario dell’ufficio. I minori devono essere sempre accompagnati da uno dei genitori o comunque dal titolare della responsabilità genitoriale.

10) Recapito della Carta d’identità elettronica

La CIE è emessa dal Ministero dell’Interno e prodotta dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, che la spedisce, a mezzo posta raccomandata, all’indirizzo di residenza (o recapito) dichiarato dal richiedente. Salvo casi particolari, la CIE sarà recapitata per posta entro 15 giorni dal giorno dell’appuntamento (il connazionale potrà seguire la raccomandata autonomamente online, attraverso il codice di tracciamento).
In caso di mancata consegna per indirizzo errato, è prevista una giacenza di 30 giorni presso l’ufficio postale locale. Scaduto il termine di giacenza presso l’ufficio postale, il plico verrà restituito all’Ufficio consolare per ulteriori tentativi di consegna.

11) Validità della Carta d’identità elettronica

La validità della CIE varia a seconda all’età del titolare ed è di:
– 3 anni per minori di età inferiore a 3 anni;
– 5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni;
– 10 anni per i maggiorenni.

12) Atto di assenso

L’atto di assenso è una dichiarazione personale prevista dalla legge italiana, che il genitore può sottoscrivere utilizzando l’apposito modulo atto di assenso o redigendo una dichiarazione sostitutiva di certificazione; all’atto di assenso va allegata una fotocopia del proprio documento di identità.
Se l’altro genitore non è cittadino dell’Unione Europea, la sua firma va autenticata personalmente dall’Ufficio consolare.
Al fine di verificare la correttezza dell’atto di assenso presentato è necessario che il minore sia iscritto in anagrafe o che sia presentato il certificato di nascita da cui si evincano maternità e paternità del minore. In caso di decesso di uno dei genitori, è necessario presentare l’atto di morte dello stesso.

13) Modifiche alla propria Carta d’identità elettronica

La carta d’identità è un documento di identità e non di residenza o di stato civile. Non è possibile aggiornare l’indirizzo sulla carta. In caso di modifica dell’indirizzo, il connazionale potrà portare con sé una copia del certificato di residenza rilasciato dalle autorità portoghesi.

14) Inserimento del cognome del marito per le donne sposate

Non è possibile per le donne sposate inserire il cognome del marito.

Contatti dell’Ufficio Carte d’identità:
Indirizzo mail: ci_amblisb@esteri.it
Per ulteriori informazioni ed approfondimenti, si suggerisce di cliccare al seguente link:
Informazioni generali sul sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
https://www.esteri.it/mae/it/servizi/italiani-all-estero/documenti_di_viaggio/carta_identita.html